Alexa Meade è una pittrice americana di 24 anni originaria di Washington. Invece di dipingere soggetti umani su tela, ricopre di pittura acrilica vere persone per renderle quadri. I suoi lavori rimbalzano tra pittura, fotografia, performance art e installazioni.

L’effetto più sorprendente del procedimento è la compressione bidimensionale che la pittura impone al soggetto: mentre siamo abituati a ricostruire mentalmente la tridimensionalità di una fotografia, non riusciamo a fare altrettanto con un soggetto dipinto. Il seguente autoritratto in fieri ci risulta bidimensionale nella parte dipinta e tridimensionale in quella fotografata.

Altri lavori di Alexa Mead sul sito internet e sul suo profilo Flickr.