Il CDA della Rai vuole imporre la presenza nella prossima puntata di Vieni Via Con Me di esponenti dei gruppi Pro-Vita come diritto di replica alle testimonianze di Peppino Englaro e Mina Welby della settimana scorsa. Stronzata una e trina.

Primo: il diritto di replica si dà a chi, assente, viene tirato in ballo da un discorso; qui le associazioni Pro-Vita non c’entrano un beneamato cazzo. Per logica, la replica spetterebbe a Eluana e Piergiorgio.

Secondo: replicare a una storia particolare con un teorema generale è idiota. Secondo bis: replicare con un’altra storia personale, ma di segno opposto, oltre ad avere il peso morale di un “gnè gnè gnè”, non è necessario perché l’ordinamento legislativo già vi viene incontro (senza contare quante ne avete già dette).

Terzo, ma principale: dar voce a chi è contro l’eutanasia significa semplicemente dar voce a chi vuole vietare la libertà di scelta di chi la pensa diversamente.

Non c’è verso, non riescono proprio a capire che a qualcuno dei loro convincimenti religiosi non frega un cazzo baugigi.

Se volete vivere innaffiati dalle suorine, fatelo, ma smettetela di rompere i coglioni a chi desidera fare una scelta diversa dalla vostra.