Sono fondamentalmente scettico sul concetto di critica. La maggior parte dei critici applicano le proprie idee alle opere d’arte senza stare a verificare se illuminino l’opera o siano solo discorsi su di essa e/o a partire da essa.

Ben pochi critici fanno quello che secondo me dovrebbe (limitarsi a) fare la critica: illuminare un’opera per permettere di renderla meglio fruibile dal pubblico, come un raggio di luce radente che colpisce un oggetto e ne rivela molti più dettagli di quanti potrebbe rivelarne un faro puntato contro.