~ Archivio del 4 ottobre 2010 ~

Il mio tabellone dei voti

Quando vado al cinema ogni film finisce dentro una di queste infallibili caselle.

Essendo un’impresa improba oltre che poco utile inserire in tabellone tutti i film che ho visto, farò solo alcuni esempi per chiarire ogni voto, prediligendo film recenti o famosi ma cercando al contempo di menzionare i registi che secondo me più meritano di esser ricordati con almeno un’opera.

Aggiungerò qui di volta in volta i film su cui avrò voglia di scrivere. Molto probabilmente ci saranno più brutti film che capolavori: è molto più divertente e facile massacrare qualcosa piuttosto che tradurre a parole la bellezza di un film.

10: O_O

Un film assoluto, un’opera d’arte che non pare creata da mano umana. Sfuggevole e misteriosa, causa continue vertigini.

Antichrist (L. von Trier 2009); Elephant (G. Van Sant 2003); Irreversible (G. Noé 2002); Koyaanisqatsi (G. Reggio 1982); La Passione di Giovanna D’Arco (C.Th Dreyer 1928); Picnic ad Hanging Rock (P. Weir 1975).

9: Mado’!

Un film ineccepibile, l’arte cinematografica ci ha sicuramente guadagnato qualcosa.

Melancholia (L. von Trier 2011); Mulholland Dr. (D. Lynch 1999); Nosferatu (F.W. Murnau 1922); 8 ½ (F. Fellini 1963); Il Padrino (F. Ford Coppola 1972); Il Vangelo Secondo Matteo (P.P. Pasolini 1964).

8: Clap clap clap!

Un gran film: notevole sfoggio di tecnica e visione personale, regala gran soddisfazione allo spettatore che ammirato applaude.

Cape Fear (M. Scorsese 1991); Il Cigno Nero (D. Aronofsky 2010); Le Conseguenze dell’Amore (P. Sorrentino 2004); Duel (S. Spielberg 1971); I Duellanti (R. Scott 1977); Enter The Void (G. Noé, 2009); Gli Incredibili (B. Bird, 2004); Kill Bill (Q. Tarantino 2003-2004); Millennium: Uomini che Odiano le Donne (D. Fincher 2011); La Mosca (D. Cronenberg 1986); Powaqqatsi (G. Reggio, 1988); Profondo Rosso (D. Argento 1977); Resurrect Dead (J. Foy 2011); Secuestrados (M.A. Vivas 2010); Il Signore degli Anelli (P. Jackson 2001-2003); The Social Network (D. Fincher 2010); La Sottile Linea Rossa (T. Malick 1998); Titanic (J. Cameron 1997).

7: Apperò!

Ben scritto, ben diretto, ben recitato: riuscito. Un’opera di grande impegno intellettuale oppure un gioellino da vedere e rivedere.

À L’Intérieur (A. Bustillo, J. Maury 2006); Catfish (H. Joost & A. Schulman, 2010); Il Favoloso Mondo di Amélie (J-P. Jeunet 2001); Funny Games (M. Haneke 1997/2007); Habemus Papam (N. Moretti 2011); Harry ti presento Sally (R. Reiner 1989); Io Sono l’Amore (L. Guadagnino 2009); The Loved Ones (S. Byrne 2009); Naqoyqatsi (G. Reggio, 2002); Priscilla (S. Elliot 1994); Ronin (J. Frankenheimer 1998); Schindler’s List (S. Spielberg 1993); South Park (T. Parker & M. Stone 1999); The Wicker Man (R. Hardy 1973).

6: Patatina?

Un film piacevole: un modo per passare due ore senza rimpianti. Il film funziona e intrattiene.

Attrazione Fatale (A. Lyne 1987); Basic Instinct (P. Verhoeven 1992); The Day After Tomorrow (R. Emmerich 2004); Il Gladiatore (R. Scott 2000); A Serbian Film (S. Spasojevic 2010); Super 8 (J.J. Abrams 2011); Top Gun (T. Scott 1986); Trappola di Cristallo (J. McTiernan 1988); Uomini che Odiano le Donne (N.A. Oplev 2009).

5: Vabbeh…

Un film modesto. Medio quando non mediocre, senza infamia e senza lode.

The Artist (M. Hazanavicius 2011); The Aviator (M. Scorsese 2004); Hostel (E. Roth 2005); Hunger Games (G. Ross 2012); King Kong (P. Jackson 2005); La Pelle Che Abito (P. Almodòvar 2011); La Ricerca della Felicità (G. Muccino 2006); Scream 4 (W. Craven 2011).

4: Umpff…

Un brutto film: non riuscito, noioso, banale, soprattutto noioso. Si arriva in fondo per solo senso del dovere.

L’Altra Faccia del Diavolo (W.B. Bell 2012); Baarìa (G. Tornatore 2006); Hugo Cabret (M. Scorsese 2011); Mood Indigo: La schiuma dei giorni (M. Gondry 2013); Pearl Harbor (M. Bay 2001); La Ragazza che Giocava con il Fuoco + La Regina dei Castelli di Carta (D. Alfredson 2009).

3: Ti odio.

Un pessimo film: un prodotto nato per scarsa padronanza del mezzo, noia, poca intelligenza. Ci si pente presto di averlo iniziato.

Chocolat (L. Hallstrom 2000); Prova a Prendermi (S. Spielberg 2002); Scoop (W. Allen 2006).

2: T’inseguo coi forconi.

Un film colpevolmente mal fatto, non solo pessimo, ma con la presunzione di esser buono. Lo spettatore grida vendetta, e ne ha ben donde. Tenersi assolutamente alla larga.

Che strano chiamarsi Federico (E. Scola 2013); Concorso di Colpa (C. Fragasso 2005); Cuore Sacro (F. Ozpetek 2005); E Venne il Giorno (M.N. Shyamalan); Il Mandolino del Capitano Corelli (J. Madden 2001).

1: Ma che davero davero?

Un film interamente sbagliato, ci si chiede come sia stato possibile realizzarlo: il caso produrrebbe un film migliore. Inguardabile, talmente orrendo che potrebbe perfino risultare piu’ interessante del livello 6.

Bambola (B. Luna 1995).

Distrazioni

Quando ti distrai e la mente divaga è l’anima che parla, e faresti meglio a prestarle ascolto.

Secondo post

Il secondo post è per lui, che inconsapevolmente dal 1913 andava scrivendo un blog.

…tutte queste apprendiste che parlano presso il loro atelier, questi giovani impiegati che ridono sotto le finestre dell’ufficio, queste servette pettorute che ritornano dalle compere pesanti, questi garzoni che fanno la loro prima commissione; tutto ciò è una stessa incoscienza diversificata in volti e in corpi distinti, come fantocci mossi da fili che li collegano alle dita della mano di un essere invisibile. Camminano con tutti gli atteggiamenti con i quali la coscienza di manifesta e non hanno coscienza di nulla perché non hanno coscienza di avere coscienza. Alcuni vecchi, altri giovani, sono della stessa età. Alcuni uomini, altri donne, sono di uno stesso sesso inesistente. Alcuni intelligenti, altri stupidi, sono tutti ugualmente stupidi.
Fernando Pessoa
Il libro dell’inquietudine di Bernardo Soares